di Emilia Tinelli Bonadonna – Presidente a.l.f.a. APS

Troppo spesso media, politici e istituzioni considerano la LIS come della lingua di tutti i sordi. Un equivoco che non tiene conto della complessità dell’arcipelago delle sordità

È di qualche giorno fa la notizia che il Governo ha approvato -all’interno del Decreto Sostegni bis- un emendamento che riconosce, promuove e tutela la Lingua dei Segni Italiana (LIS) e la Lingua dei Segni Italiana Tattile (LIST).

L’emendamento, inoltre, riconosce le figure dell’interprete LIS e dell’interprete LIST quali professionisti specializzati nella traduzione e interpretazione rispettivamente della LIS e della LIST…

LINK   https://personecondisabilita.it/page.asp?menu1=5&menu2=17&notizia=10170